Basílica del Pilar - Saragossa Roadtrip 2022 Nordspanien
 |  |  | 

Viaggio in auto Giorno 1 – Barcellona-Saragozza

E ancora una volta un primo giorno di viaggio. Oggi viaggiamo da Barcellona a Saragozza. E da Miracoli all’uovo fritto.

0 0 votes
Article Rating

Sull’aereo da Palma a Barcellona, un IMC superiore a 15 è già troppo. Non che io viaggi in quelle zone… Ma sembra proprio che Air Europa abbia ordinato una versione speciale del 737-800 scrivendo nelle specifiche di Boeing “sedili particolarmente stretti”.

Ero seduto tra uno spagnolo di origine nordafricana in tuta e catenina d’oro che stava sempre al telefono e che trovava la sua salvezza nel parlare al cellulare da diverse prospettive. Sempre tenendo il bracciolo destro. E un anziano signore spagnolo che probabilmente avrebbe interpretato il caro e saggio Don in una telenovela. Nella vita reale, tuttavia, il piccolo amava e custodiva saggiamente il suo bracciolo sinistro. Così ho chiuso le braccia attorno al mio corpo. E si è goduto il calore che ne è derivato nella zona delle ascelle.

Nel corso del volo, tuttavia, sono riuscito a guadagnare territorio. Con evidente disappunto dei miei compagni di viaggio. Mi chiedo cosa succeda effettivamente quando, diciamo, i concittadini meno pacifici si incontrano su un piano del genere….

Jeep Wrangler fuori dall'aeroporto di Barcellona Viaggio su strada 2022 Spagna settentrionale
Jeep Wrangler fuori dall’aeroporto di Barcellona Viaggio su strada 2022 Spagna settentrionale

In ogni caso, il volo da Palma a Barcellona dura appena più di 35 minuti … Poi ci volle un’altra mezz’ora per raggiungere l’auto che il mio collega aveva gentilmente parcheggiato lì per me: una classica Jeep Rubicon con alcune aggiunte da testosterone. Un bell’esemplare!

Sono partita con la mia figlia grande. E abbiamo deciso di andare a Saragozza. Da Barcellona, circa 300 chilometri a ovest per raggiungere la magnifica capitale della comunità autonoma spagnola di Aragona e Saragozza (qualcosa di simile alla fusione di due stati federali in Germania).

Il sentiero attraversa paesaggi piuttosto uniformi, dove lo scopo principale del foraggiamento sembra essere quello di rimuovere le montagne, almeno in parte, per poi ricavare mattoni gialli dall’arenaria estratta. Il paesaggio era, diciamo, moderatamente bello e la luce di questa afosa giornata di giugno non favoriva una percezione positiva dell’ambiente circostante.

Gli impianti di condizionamento probabilmente non servono a proteggere il clima …
Sulla strada per Lleida, i dintorni appaiono a tratti molto poveri

A un certo punto ce ne andiamo perché mi viene fame. Nelle vicinanze si trova la città di Lleida, che secondo Wikipedia era già un luogo importante in epoca preromana. L’avevo equiparato a “bel posto”, ma era un’interpretazione errata.

Lleida - Ponte sull'Ebro Viaggio in auto 2022 Spagna settentrionale
Lleida – Ponte sull’Ebro Viaggio in auto 2022 Spagna settentrionale

Facciamo un giro in macchina per la città. E più si sale verso l’antica cattedrale La Seu Vella, più diventa bella. Ma in qualche modo l’entusiasmo non è sufficiente per lasciare la macchina a 35 gradi e decidiamo di proseguire su strade più rurali.

Cerchiamo su Google Maps un ristorante vicino al nostro percorso con una valutazione di almeno 4,5 stelle. Sbagliato. Allora decidete di dare un’occhiata ai due candidati tra cui dobbiamo scegliere. E decidiamo spontaneamente per il primo, una braseria sull’Autovia del Este, la A-2.

Riassumo rapidamente: I proprietari hanno creato un piccolo paradiso proprio accanto all’autostrada, che si vede scorrere sulla sinistra della foto. A causa del caldo, abbiamo dovuto sederci all’interno.

Nella sala da pranzo con aria condizionata, abbiamo ordinato entrambi il menu del giorno a 12 euro, sia gli spaghetti alla bolognese come antipasto, che ci hanno riportato alla mente i nostalgici ricordi degli spaghetti Miracoli dei tempi in cui KRAFT confezionava ancora il parmigiano (?) in polvere, dal sapore amaro e pungente, nelle scatole.

Poi sono arrivate le sardine con patatine fritte fatte in casa sul tavolo della casa decorato con la tela oleata. Ben fritto, al punto giusto e le patatine erano semplicemente fantastiche!

Per il dessert abbiamo optato per un gelato. E ha ricevuto un cono gelato alla Cornetto in versione più economica. Come ci si aspetta dalla Spagna, le patatine erano davvero buone e le sardine ben fritte. Tutto sommato, perfettamente bene e assolutamente corretto per il prezzo.

A Saragozza avevamo scelto l’Hotel Sauce. Infatti, i proprietari intendono la salsa, che in realtà si chiama salsa in spagnolo. Si tratta di un hotel a 2 stelle nel centro della città che ci ha colpito per la presenza di una caffetteria con pasticceria propria.

La porta rosa conduce alla caffetteria dell'Hotel Sauce.Viaggio in auto 2022 Spagna settentrionale
La porta rosa conduce alla caffetteria dell’Hotel Sauce.

Ci siamo presentati alla piccola reception e abbiamo detto al poveretto che avevamo prenotato su Booking 5 minuti fa. Tra l’altro, per circa 70 euro a camera. Un altro è intervenuto in aiuto della nostra receptionist. Insieme hanno pensato a quali stanze sarebbero state più adatte a noi. Neanche a me era mai successo prima. Mi è stato quindi consigliato di parcheggiare l’auto di grandi dimensioni in un altro parcheggio. Ho avuto una brutta sensazione dal mio ultimo viaggio in auto, dove i parcheggi “di pertinenza” erano sempre a chilometri di distanza dall’hotel …

Portiamo i bagagli nelle camere e ci diamo appuntamento al bar. Lì, l’addetto alla reception, nel suo attuale ruolo di cameriere, mi consiglia di portare subito via l’auto. Così mi metto al volante e seguo le indicazioni per il parcheggio sotterraneo. A proposito, credo che questa sia una vera e propria specialità spagnola. Qui non solo abbiamo il più alto consumo pro capite di cemento. Ma costruiscono anche costantemente scantinati sotto ogni cosa, con garage sotterranei. Che sopra di essa sorgano cattedrali o altro, non è un ostacolo per i progettisti edili, ovviamente estremamente abili dal punto di vista tecnico.

Ma ora il martello. Salgo le scale dal parcheggio sotterraneo e mi trovo di fronte a “El Pilar”, o più precisamente alla Basílica del Pilar. Wow!

Ho scattato innumerevoli foto, ma con il mio obiettivo da viaggio questa impressione di grandezza non può essere rappresentata senza distorsioni assurde. Pertanto, ho incorporato due immagini da Wikipedia per voi qui sotto. In breve, si tratta di un’enorme chiesa barocca “con cupole colorate, un famoso altare in onore della Vergine Maria e affreschi di Goya” (Google Maps).

, via Wikimedia Commons” href=%C3%Tegole Tetti Cupole Torri Basílica de Nuestra Señora del Pilar Saragozza Aragona Spagna Foto Wolfgang Pehlemann DSC00652

E come se non bastasse, i pazzi spagnoli hanno abbattuto la Catedral del Salvador, proprio accanto ad essa, una “cattedrale con elementi romanici, gotici e barocchi e un museo di arazzi medievali” (Google Maps).

Proprio accanto si trova il Museo Goya. Naturalmente è possibile trovare le opere del famoso artista grafico e scultore, ora è possibile farlo anche senza Google. In generale: questa Saragozza trabocca di musei. Se volete davvero torturare i vostri figli, trascorrete qui una settimana di vacanza. E 1-2 musei al giorno. L’unica cosa che dovete saltare è il Museo del Fuego y de los Bomberos, che potrebbe davvero ispirarvi, perché è tutto incentrato sul fuoco e sui vigili del fuoco, il che sarebbe una goccia nel mare per i torturatori di bambini…

E in effetti, il ritorno all’hotel è a soli 2 minuti a piedi. Da lì, dopo una breve pausa, ci dirigiamo verso il ristorante Carnivoro. Lungo il percorso, iniziamo a capire perché il nord della Spagna è famoso per la sua cultura culinaria.

Veniamo accolti molto gentilmente e sistemati tra una coppia olandese e una francese. Vogliamo ordinare. Ma il simpatico Padron annulla il nostro ordine perché è decisamente troppo. Abbiamo fame, ma gli crediamo!

Si inizia con una colorata e leggera insalata estiva con gamberetti alla griglia. Molto gustoso. Arriviamo subito al punto. Il condimento al mango non interferisce affatto, ma sottolinea molto bene la composizione. Eccezionalmente delizioso!

Poi il pollo croccante, come se fosse una crocchetta di pollo migliore. Nessuna delusione, nessuna sorpresa. Meglio di McDonald’s. Ma nemmeno una rivelazione. Poi arriva un corridoio che non ho fotografato per voi perché ha un aspetto orribile. Che i nostri vicini hanno avuto tutti prima di noi. E ci siamo chiesti cosa potesse essere. Una ciotola di medie dimensioni piena di glassa marrone media. In cui presumibilmente nuotano dei bastoncini di patate. Due tuorli dell’uovo di quaglia galleggiano in cima. Il personale di servizio li mescola al budino con incredibile impegno e amore.

Il tutto è in realtà le “uova fritte in salsa di funghi” che ho ordinato. Non sembra. Ma il sapore è ottimo. Non si tratta necessariamente di una cucina estiva leggera, ma di un vero e proprio piatto forte per le giornate di pioggia spagnole. Riusciamo a gestire solo qualche cucchiaio. Ma sono già abbastanza pieni quando arrivano i “bratwurst tedeschi con 4 tipi di senape”. Il punto debole della serata. Le salsicce sono buone. Ma molto ben fatto. E poco cotto. Le senapi sono superflue per me personalmente, ma sono molto conservatore ;)

Quindi, riassumendo: Nella suggestiva illuminazione stradale, un luogo ideale per una bella cena. Soprattutto all’esterno. Ma anche all’interno, un bel design degli interni e un luogo che invita a sentirsi bene. La cucina è decisamente buona. Ha idee intelligenti. Punti deboli in dettaglio. Ma guardate lo scontrino: eravamo ancora sotto i 60 euro. E per questo, la qualità era ottima! Il Carnivoro è semplicemente un luogo ideale per trascorrere una bella serata!

Quindi, per oggi è tutto. Domani continueremo!

Tanti saluti, Arnd

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments